Qualcuno ha detto che l’espressione “pianificare un evento” è un’aporia (non lo ha detto in questi termini così colti ma il senso è questo), una contraddizione in termini,  perché “un evento è qualcosa che accade”. E il punto è proprio questo. 

Noi, di lavoro, facciamo in modo di creare spazi di realtà che “spontaneamente “ non accadono. Ci arroghiamo una sorta di diritto divino, il diritto della creazione. Come una madre noi partoriamo una fetta di vita, completamente nuova e inaudita. 

 Difatti a ogni nostro evento siamo affezionati come ad un figlio, ne parliamo addirittura negli stessi termini, e come un parto lo viviamo. 

Inoltre. E soprattutto. 

Ideare, progettare e realizzare eventi è come ideare, progettare e realizzare un pezzo di realtà. Uno spazio d’esistenza. Chiama in campo tutte, e dico tutte, le competenze che la vita richiede. 

Creatività, innanzitutto. 

La filosofia trainante, quello che noi chiamiamo concept. 

Le parole giuste, il naming. 

La pianificazione economica, il budget e la sua allocazione. 

L’organizzazione operativa. 

La previsione dei problemi. 

La soluzione ai problemi non prevedibili. 

Addirittura, la pianificazione di un evento prevede “il commiato”. So per certo che chi fa questo lavoro conosce quella strana tristezza che accompagna la fine di un evento, anche il più riuscito di tutti. Quella strana resistenza a dirgli addio.

Perciò, la vita accade, certo. Con tutti i suoi eventi. 

Noi, di lavoro, umilmente e sfrontatamente assieme, la imitiamo.

 

Lorenza De Micco

Senior Account Just People

Il futuro degli eventi: tra tradizione e avanguardia digitale

Dopo gli avvenimenti del 2020, quale sarà il futuro degli eventi? Come ha reagito questo mondo? A causa della situazione di incertezza vissuta, per molto tempo è stato impossibile organizzare eventi fisici. Nonostante ciò, la grande industria degli eventi non ha...

L’utilizzo della tecnologia negli eventi

Come ha impattato l’uso della tecnologia negli eventi? Si sente sempre più spesso parlare di “offrire al consumatore una user experience rilevante” e per raggiungere questo obiettivo le aziende ricorrono sempre in maniera crescente all’utilizzo e l’integrazione della...

E/venti di cambiamento

Ancora mi risuona quello slancio di palingenesi che la pandemia agli albori aveva generato. Quella speranza, molto molto umana, che la sofferenza ci avrebbe resi migliori. Sappiamo tutti com’è finita.  Ed è finita come doveva. Perché la sofferenza in sè non produce...

Life in Live Communication! Due chiacchiere con Gustavo Calì

Perché il nostro settore è vitale per il sistema paese, dalla voce di chi lo ha vissuto prima dall’interno e poi da cliente. Di seguito la testimonianza completa di Gustavo Calì, Campari Academy Manager presso Campari Group. Qualche anno fa, dopo aver presentato un...

Gli Eventi. Quelli che non “accadono”

Qualcuno ha detto che l’espressione “pianificare un evento” è un’aporia (non lo ha detto in questi termini così colti ma il senso è questo), una contraddizione in termini,  perché “un evento è qualcosa che accade”. E il punto è proprio questo.  Noi, di lavoro,...
Share This